Il database MySql è il componente più importante di una installazione WordPress, la sua posizione viene definita durante l’installazione e nella maggior parte dei casi questo dato non viene mai modificato.
Può capitare, tuttavia, di dover sostituire il database con un nuovo MySql posizionato su di un altro server, tipicamente per esigenze di aggiornamento di versione, o in alcuni casi a causa di un cambio di hosting.
La procedura non è automatizzata ma è piuttosto semplice, analizziamola nel dettaglio.

Backup e restore del database

Per prima cosa occorre copiare tutto il contenuto db dal vecchio al nuovo server.
Ci si collega mediante phpMyAdmin al vecchio server, si seleziona la casella “esporta”, si lasciano inalterate le opzioni che vengono proposte e si salva il dump così generato in locale.
Successivamente si accede al nuovo server, si seleziona importa e si carica il suddetto dump, ottenendo una esatta copia del database, struttura inclusa.

Configurazione di WordPress

A questo punto occorre indicare a WordPress la nuova posizione del database.
Per effettuare questa operazione si scarica il file wp-config.php, che si trova nella directory principale del sito, utilizzando un client ftp (ad esempio FileZilla, molto comodo ed open-source).
Si ricercano all’interno del file le righe di configurazione del db, che sono le seguenti:

/** Il nome del database di WordPress */
define('DB_NAME', 'nome del database');
/** Nome utente del database MySQL */
define('DB_USER', 'utente del database');
/** Password del database MySQL */
define('DB_PASSWORD', 'password');
/** Hostname MySQL  */
define('DB_HOST', 'indirizzo ip host');

I parametri da sostituire sono 4 (DB_NAME, DB_USER, DB_PASSWORD e DB_HOST), nel file saranno presenti quelli del vecchio database, che devono essere cambiati con gli analoghi del nuovo.
Completata la sostituzione (lasciare inalterato tutto il resto del file, ogni modifica potrebbe comportare gravi malfunzionamenti al sito) si procede ad uploadare il file sostituendone la precedente versione.

La procedura è così completata, accedendo nuovamente al pannello di amministrazione di WordPress e controllando le impostazioni da Strumenti -> Salute del sito (Site Health) -> Informazioni si potrà verificare come l’operazione sia andata a buon fine.

Categorie: Wordpress

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *