La distribuzione Ubuntu di Linux è particolarmente indicata per i computer desktop, e viene spesso scelta come sistema operativo alternativo al più diffuso Windows, rispetto al quale presenta alcuni vantaggi quali la leggerezza, la sicurezza e soprattutto il fatto di essere open source.

Ubuntu può anche essere testato, su un pc con altro sistema operativo già installato, mediante creazione di un supporto Live su DVD o chiavetta USB, ma questa opzione seppur molto comoda non presenta tutte le caratteristiche di una installazione completa vera e propria.

In questa guida si illustra la procedura per ottenere una installazione completa su supporto USB (chiavetta o disco), senza utilizzare il disco fisso sul quale potrà continuare a risiedere il sistema operativo già in uso.

Operazioni preliminari

  • procurarsi una versione Live su DVD o USB dell’ultima release di Ubuntu
  • accedere al BIOS del proprio pc e disabilitare la modalità UEFI (se presente, nei pc più recenti è normalmente l’opzione predefinita)
  • effettuare il boot dall’unità che contiene la Live di Ubuntu
  • Selezionare la lingua italiana e quindi “Prova Ubuntu” invece di installare direttamente (molto importante, altrimenti installerebbe sul disco fisso sovrascrivendo tutti i dati precedenti)
  • Collegare l’unità USB dove risiederà il sistema operativo

Creazione partizioni con Gparted

  • Lanciare il programma di gestione partizioni Gparted e selezionare l’unità USB di destinazione
  • Smontare tutte le eventuali partizioni già presenti nell’unità
  • Creare una nuova tabella di partizioni di tipo GPT da Dispositivo -> Crea tabella partzioni (anche in questo caso prestare la massima attenzione a selezionare l’unità giusta, deve essere la USB e non il disco fisso)
  • Creare una piccola partizione da 5Mb sul lato sinistro del disco, scegliendo come file system “non formattato
  • Creare una partizione da 500Mb subito dopo la precedente, con file system FAT32
  • Occupare lo spazio rimanente (l’unità su cui si installa deve essere di almeno 25Gb) con la partizione principale, file system ext4
  • Fare click su applica tutte le operazioni ed attenderne il completamento
  • Selezionare la partizione da 5Mb, quindi attraverso Partizione -> Gestione flag impostare il flag a bios_grub
  • Selezionare la partizione da 500Mb, quindi attraverso Partizione -> Gestione flag impostare il flag a boot,esp
  • Lanciare il programma di installazione di Ubuntu

Procedura di installazione

  • Selezionare la lingua italiana, il relativo layout della tastiera ed inserire le credenziali per la connessione wireless (se presente, questo permetterà all’installer di aggiornare i pacchetti durante la procedura, scaricandoli da internet)
  • Nelle preferenze selezionare l’installazione tipica e, come appena accennato, la possibilità di scaricare i pacchetti durante l’installazione. Non spuntare invece la possibilità di installare software di terze parti, spesso questa opzione provoca dei crash a causa di driver non compatibili, eventualmente andranno aggiunti a parte in un secondo momento
  • Quando viene richiesta la posizione su cui installare selezionare “altro
  • Nella casella di scelta dell’unità per il boot loader inserire l’unità USB
  • Selezionare la partizione principale (ext4), quindi fare click con il tasto destro, selezionare Modifica ed impostare i parametri “usa come ext4“, formatta la partizione e “/” come punto di mount
  • Fare click su Installa, quindi rispondere affermativamente al messaggio di conferma della formattazione delle partizioni
  • Selezionare il proprio fuso orario, quindi immettere le informazioni di base relative al computer (nome, utente, password)
  • Attendere il termine dell’installazione senza riavviare il pc

Operazioni post installazione

  • copiare le cartelle EFI e boot dalla Live di installazione (DVD o USB) alla partizione FAT32 con il flag boot,esp (in caso di problemi di permessi aprire Nautilus e riprovare la copia)
  • copiare il file /boot/grub/grub.cfg dalla partizione principale (ext4) alla partizione EFI (FAT32), sovrascrivendo la copia già presente
  • reinstallare GRUB mediante i comandi
sudo mount /dev/sdxn /mnt
sudo grub-install --boot-directory=mnt/boot /dev/sdx

dove sdxn è l’identificativo della partizione EFI (con x numero del disco e n numero della partizione, ad esempio sdb2 se si trova sul secondo disco ed è stata definita come seconda partizione), mentre sdx indica il disco su cui installare (seguendo l’esempio di cui sopra andrebbe inserito sdb).

A questo punto la procedura è completata, si procede quindi rimuovendo il supporto di installazione e riavviando infine il pc.
Al boot selezionare avvio da USB per accedere al nuovo sistema operativo.

Categorie: Linux

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *